top of page

Una ragione in più per mangiare carote



Le carote sono ampiamente consumate in tutto il mondo. Diversi studi di meta-analisi sul consumo di carote hanno indicato che svolgono un ruolo centrale come ortaggio protettivo contro lo sviluppo di diversi tipi di tumori. Un ruolo di prevenzione del cancro delle carote è plausibile perché sono le principali fonte alimentare delle ossilipine poliacetileniche bioattive falcarinolo (FaOH) e falcarindiolo (FaDOH), che hanno mostrato attività antiproliferativa e antinfiammatoria in numerosi studi in vitro. Inoltre, FaOH e FaDOH purificati hanno, in studi recenti in vivo in modelli di cancro del colon-retto (CRC), dimostrando un effetto antineoplastico in modo dose-dipendente. I meccanismi di azione per questo effetto sembrano legati all'inibizione dei biomarcatori del fattore pro-infiammatorio e di trascrizione per infiammazione e cancro. Uno studio danese ha recentemente dimostrato che un'assunzione di 2-4 carote crude o più ogni settimana (>32 g/giorno) è stato associata a un 17% diminuzione del rischio di CRC. Un'assunzione sotto 2-4 carote alla settimana (<32 g/die) non erano significativamente associate a un ridotto rischio di CRC. I risultati di questo studio prospettico di coorte supportano chiaramente l'idea di un effetto preventivo sul

CRC delle carote.

126 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page